Bright Business Consulting LLP

Mercoledì, Settembre 19, 2018

Opportunità di Mercato in Brasile

Fare affari in Brasile può sembrare semplice per chi è nuovo al mercato, ma adottare un approccio strategico è la chiave per rendere il processo gestibile. E’ importante avere una visione a medio e lungo termine visto che il successo in Brasile richiede impegno. Una scelta giusta sarà affidarsi a soggetti i quali abbiano conoscenze e competenze di questo mercato.

In molti settori il Brasile è già un mercato ben sviluppato. Potreste scoprire che i vostri concorrenti sono già lì e che la concorrenza è feroce. Come in ogni nuovo mercato, sarà necessario utilizzare i propri vantaggi competitivi al massimo, ed è importante sapere quali saranno i più efficaci in Brasile. È necessario ricercare il mercato per identificare il livello della domanda per il prodotto o il servizio che si intende offrire e decidere se è necessario affrontare il mercato nel suo insieme o attraverso specifiche nicchie.

LA VOSTRA RICERCA INIZIALE DEVE INDIVIDUARE

  1. L'esistenza di un mercato per il prodotto o il servizio in Brasile.
  2. L'esistenza di particolari centri d'interesse.
  3. Se si può essere competitivi in Brasile.

SETTORI

GRADUATORIA MONDIALE

Estrazione di petrolio in grandi profondità

Produzione di aerei (nella fascia 70-110 passeggeri)

Mercato per elicotteri

Costruzioni idroelettriche

Produzione di Bio combustibile

Autobus

Produzione di scarpe

Produzione di acciaio

Produzione di moto

Network televisivo

Jet commerciali

Export di scarpe

Camion

Borsa merci “futures”

Cosmetici

Produzione di auto

Reti in franchising - 1.013


Per numero punti vendita

Reti brasiliane sui mercati internazionali

48°

Il Brasile rappresenta un’opportunità d’investimento considerato che beneficia di uno stabile sistema di mercato finanziario e dei capitali in forte sviluppo. Da sedici anni il Brasile ha una bassa inflazione e conduce una politica economica responsabile. In otto anni il "Paese" sudamericano ha scalato cinque posizioni nel ranking mondiale. Paese promosso come "Investment Grade" nel 2008 da Standard & Poor’s (BBB), Fitch Ratings (BBB) e nel 2009 da Moody’s (Baaa3).

L’economica cresce con ritmi pari a quelli dall’America degli anni ’30, e la previsione media di crescita per i prossimi anni è tra il 5% ed il 6%, pertanto di gran lunga superiore a quella di Usa, Europa e Giappone. Il Brasile è oggi la settima potenza economica del mondo con previsione di diventare la quinta nel 2014.

Principali fattori trainanti della crescita economica brasiliana sono individuabili in:

  • Aumento del credito da parte di banche locali (nei primi mesi del 2012 i prestiti alle imprese sono cresciuti del 22% rispetto al 2011).
  • Attenzione al micro-credito (BNDES - nel 2012 i prestiti alle famiglie sono cresciuti del 26%).
  • Conseguente aumento dei consumi da parte delle famiglie.
  • Aumento consistente della classe media.
  • Bonus demografico.
  • Sensibile attenzione rivolta alle micro-aziende con possibilità di finanziamenti al 100%.
  • Banche regionali per lo sviluppo di determinate aree produttive (in particolare Nord e Nord-Est).

Target di consumatori molto giovani. I brasiliani con più di 65 anni sono solo rappresentati dal 7% della popolazione, questo significa enorme potenziale di consumatori che faranno crescere il GDP-PIL. Crescita garantita anche dall’aumento della classe media. Dal 2002 al 2010 circa 29 milioni di brasiliani non abbienti sono entrati nella classe media divenendo a tutti gli effetti consumatori. Attualmente la classe media con reddito tra i 1.610 Reais e 6.941 Reais rappresenta il 53,3% della popolazione totale. Tale situazione si riflette nei mercati con incrementi delle vendite dei prodotti di qualità.

Ma non solo, di particolare interesse sono anche i settori degli accessori per gli autoveicoli, olii lubrificanti, valvole a sfera, macchine per imballaggi, barche, elicotteri e meccanica strumentale. Diversi gli interventi statali nei settori dell’auto, dell’edilizia e dell’agricoltura.

LOCALIZZAZIONE INDUSTRIE 

  • Nord: estrattiva.
  • Nordest: turismo, abbigliamento, calzature, petrolchimica.
  • Centro-Ovest: agribusiness, turismo.
  • Sudest: auto, meccanica, servizi.
  • Sud: agroindustria, auto, legno-mobili, abbigliamento, ceramica.

Secondo l’IBGE (Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica) nel 2012 la produzione industriale del Brasile è aumentata del 12,5%. Il Brasile è tra i primi dieci Paesi del mondo per produzioni industriali. Tecnologie di punta nei settori del petrolio, biodiesel, aeronautica. Parco industriale diversificato e caratterizzato da piccole e medie aziende predisposte ad interagire con le aziende estere.

In qualità di grande produttore di commodities, l’economia brasiliana sta beneficiando del boom mondiale dei prezzi delle materie prime. Si registrano prospettive di crescita economica elevate da integrare ad una matrice energetica diversificata e fortemente basata su fonti alternative rinnovabili.

Altro fattore di forte attrattiva per gli investitori è rappresentato dallo sterminato patrimonio di risorse naturali presenti sul territorio brasiliano. Il Brasile è il "Paese" che possiede le più vaste terre coltivabili da sfruttare. E’ tra i primi produttori ed esportatori di derrate agricole nel mondo.

PRODUZIONE

GRADUATORIA MONDIALE

Prodotti           

Frutta

Soia

Zucchero

Carne

Caffè

Arance

Biodiversità

Legname

Non da ultimi e di meno importanza il programma PAC, (Programa de Aceleracao de Crescimento), un investimento di circa US$ 275 MD con impegni sul settore di infrastrutture come porti, idrovie, autostrade, energia, sociale ed un esportazione diversificata in prodotti e mercati.

Costituzioni Società In Brasile

Pratiche Per Il Visto Permanente

Deposito & Registrazione Del Marchio In Brasile

Mercati Emergenti

bannermap

Parco Eccellenze Europee - PEE

Scroll to Top